Happy 1 copia

Studiosi, bambini, famiglie, spettatori si incontrano
al Museo delle Marionette: oltre 40mila le partecipazioni nel 2023.

Tra spettacoli, convegni, rassegne e progetti speciali il Pasqualino guarda al 2024.
Parole d'ordine: inclusione, sostenibilità, digitalizzazione

 

Dai convegni ai festival, dall'editoria ai progetti speciali, dalla formazione alle attività didattiche e alle rassegne teatrali, per arrivare al viaggio costante dei pupi in giro per la Sicilia e oltre, a raccontare anche la violenza di genere e la lotta alla mafia.

 

Un 2023, quello del Museo Internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino, denso di impegni, iniziative, di progetti realizzati e ancora da realizzare, con l'entusiasmo di un luogo ad altissimo tasso di inclusione, in cui "convivono" studiosi, bambini, categorie a rischio di esclusione, famiglie, culture diverse che si abbracciano. 

"La molteplicità delle nostre attività e il numero dei fruitori coinvolti giornalmente e tutto l'anno – commenta il direttore del Museo delle Marionette, Rosario Perricone – fanno del Pasqualino un esempio unico, che travalica i confini nazionali, capace di coniugare progetti scientifici internazionali con attività di animazione sul territorio. Il nostro obiettivo è fare sì che il Museo diventi sempre di più la casa di tutti: insieme ai progetti che porteremo avanti, il 2024 sarà anche l'anno della sostenibilità e della digitalizzazione: la condivisione non può non passare anche per questi aspetti".

Il 2023 è stato un anno denso di attività che hanno abbracciato tutti i campi: dall'editoria ai festival e al teatro, dai convegni ai progetti speciali, dalla formazione e le attività didattiche alle mostre. Raggiungendo le 40.582 partecipazioni in presenza per tutti gli eventi a cui si aggiunge la massiccia copertura online pari a 249.026, dei social network e dei siti istituzionali e alle innumerevoli dirette streaming.

 

 Attivita' scientifiche

Numerose e articolate le attività scientifiche, che hanno abbracciato i campi di studio più svariati e che hanno intrecciato lo studio con la salvaguardia, come è avvenuto in occasione dei Tavoli tematici di discussione sull'Opera dei pupi siciliani. Tra i convegni, 10 in tutto, che hanno visto coinvolti i maggiori esperti dei rispettivi campi di pertinenza nonché le più affermate istituzioni nel campo della ricerca e dello studio al livello nazionale ed internazionale, il Cocchiara Project, Proposte, ricerche e studi per l'Edizione Nazionale delle Opere di Giuseppe Cocchiara, che ha dato il via alla costituzione dell'Edizione Nazionale delle Opere di Giuseppe Cocchiara.

Grande risalto hanno avuto inoltre i temi legati alla cultura visuale, in rapporto alle metodologie e prospettive della ricerca e alle culture visuali nel Medioevo Mediterraneo, e agli studi culturali, con i convegni L'immagine bustrofedica. Culture visuali nel medioevo mediterraneo e Fototesti. Retoriche, poetiche e aspetti cognitivi; all'etnomusicologia, con il secondo simposio dell'International Council for Traditional Music e il 38esimo European Seminar in Ethnomusicology; ma anche l'ormai consolidato e atteso seminario permanente Etnografie del contemporaneo che ha racchiuso nel 2023 la nuova edizione del ciclo Ereditare, sulla semiotica della trasmissione.

Oltre ai convegni, il Museo ha dato vita a 22 tra conferenze e tavole rotonde e 24 seminari e ha partecipato a 7 incontri e iniziative di studio e 10 festival e rassegne teatrali e culturali. Il Museo delle Marionette è stato anche impegnato in progetti di salvaguardia del patrimonio e di manutenzione e restauro. Sono moltissime le attività di ricerca in corso condotte dal Museo, ente privato di ricerca iscritto all'Anagrafe Nazionale delle Ricerche, del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e riconosciuto dal MiUR. Tra queste, l'indagine volta alla elaborazione del progetto attuativo del Piano di salvaguardia dell'Opera dei pupi.

 

Gli spettacoli

Molto consistente anche il numero di spettacoli prodotti e organizzati dal Museo delle Marionette452 in tutto, di cui 320 di Opera dei pupi e teatro di figura44 di prosa57 di pupi e prosa in circuitazione31 rappresentazioni organizzate in collaborazione con le compagnie della Rete dell'Opera dei pupi.

Un calendario di attività quotidiano, quello del Museo delle Marionette, come quotidiani sono gli spettacoli di Opera dei pupi che vi si svolgono, a tutela di un’arte centenaria che solo attraverso la pratica può sopravvivere.

 

Fiore all’occhiello è stato l’ormai storico appuntamento con il Festival di Morgana, i cui spettacoli, anche per il 2023, sono stati tutti sold out. In scena in questa edizione il teatro delle ombre giavanesi e le migliori compagnie di burattini da tutta Italia. Partecipatissimi anche gli eventi collaterali - tavole rotonde e incontri, mostre, convegni e presentazioni di libri - e la sezione Morgana off, a conclusione del festival.

 

Spettacoli dedicati a bambini e famiglie sono stati una costante anche quest’anno nella vita del Museo: con Teatro al Museola rassegna annuale di teatro e di immagine per bambini, ma anche con le letture partecipate alla riscoperta di antiche fiabe e i cunti ispirati ai libri per bambini editi dal Museo.

 

Editoria, attività didattiche, mostre

Le Edizioni Museo Pasqualino si confermano una realtà estremamente vitale. Non soltanto per la nutritpartecipazione ai festival letterari, ben 13, ma anche per l’intensissima attività editoriale di una realtà che ha assunto caratteristiche nazionali.


Soltanto nel 2023, le Edizioni Museo Pasqualino hanno pubblicato 26 volumi e 8 periodici, spaziando dagli studi e materiali per la storia della cultura popolare all'antropologia, dell'etnomusicologia alla semiotica e all’antropologia museale e diffondendo studi e ricerche di eminenti studiosi da tutta Italia e dall’estero. Sono stati 38gli incontri con gli autori e le presentazioni di libri; ben 44 le attività didattiche e formative, che hanno coinvolto anche le categorie più fragili, giovani, giovanissimi e bambiniAnche in questo caso, le pubblicazioni di alto valore scientifico e le loro presentazioni sono state affiancate da quelle di collane come Piccirèinteramente dedicata all’infanzia.

 

Molto intensa, infine, anche l’attività espositiva, con 4 mostre all’attivo in sedeche spaziano dall’iconografia tradizionale dei pupi e dell’arte popolare alla sperimentazione degli artisti contemporanei, e 4 fuori sede che vedono presenti non soltanto l’Opera dei pupi, ma anche le ombre cambogiane, esposte al Museo delle Culture di Milano, e i dipinti dell’artista futurista Pippo Rizzo, esposte alla Galleria nazionale di arte moderna e contemporanea di Romatutte appartenenti alla collezione del Museo.

 

Cresce la comunità virtuale del Museo delle marionette 

 

Una comunità, quella del Museo delle Marionette, che ama incontrarsi anche virtualmente.

La pagina Facebook del Museo ha avuto una copertura di 213.986 utenti38.363 visite e 439 nuovi “mi piace”. Ottimi anche i dati di Instagram, con una copertura di 6.990 utenti,2.361 visite al profilo e 389 nuovi follower.

Bene anche i siti collegati, con 1.050 visite per le Edizioni Museo Pasqualino3.000 per il sito del Festival di Morgana, 8.500 per il portale dell’Opera dei pupi e ben 15.000 per quello del Museo delle Marionette.

 

 

____________________________

Info: 091.328060

www.museodellemarionette.it 

Seguici sui nostri canali social:

Facebook -  Museo Internazionale delle marionette Antonio Pasqualino

Instagram - @museodellemarionette

YouTube - Museo Marionette A. Pasqualino

 

 

 

 

 

 

Calendario eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
7
14
19
29
30

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.  Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso di cookie.