Peppino di Cinisi contro la mafia

CIRCUITAZIONE TEATRALE

Mercoledì 25 ottobre _ ore 11.00

Palagiovani LeAli _ Barrafranca (EN)

Incontro didattico: Il mestiere del puparo con Angelo Sicilia che a seguire con la sua compagnia

metterà in scena lo spettacolo Peppino di Cinisi contro la mafia

***

Nuova tappa per il progetto di circuitazione regionale promosso dall’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari - ETS / Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino, che coinvolge i pubblici di 15 comuni di 6 province siciliane.

Filo conduttore è il tema della legalità, come lotta alla mafia ma anche alla violenza di genere attraverso la messa in scena di spettacoli che vedono protagoniste le vittime della mafia, da un lato, e le figure femminili, dall’altro con l’obiettivo comune di contribuire ad affermare nuovi modelli e nuove figure eroiche e sensibilizzare alla legalità e al rispetto dell’altro. Gli spettacoli sono preceduti da incontri aperti durante i quali ogni compagnia si soffermerà sulla genesi dello spettacolo e le vicende dei personaggi, e presenterà la tradizione dell’Opera dei pupi attraverso tecniche, i repertori, il pubblico tradizionale, i diversi stili.

Due secoli dopo la nascita del teatro delle vastasate, un altro vastaso, uno sfrontato, una voce del popolo deride il potente mafioso di turno dai microfoni della sua piccola Radio Aut: Peppino Impastato. La sua straordinaria e tragica vicenda ricalca quella di un cavaliere dell'Opera dei pupi, senza macchia e senza paura. Un cavaliere con delle straordinarie idee: cambiar le cose in un paesino della Sicilia. Ecco perché sul palco i due personaggi di farsa palermitani, Nofriu e Virticchiu, accompagnano Peppino, rappresentanti del popolo siciliano con cui, nello spettacolo, Peppino interagisce quasi fossero una persona sola. Nel loro confronto con Impastato, Nofriu e Virticchiu divengono consapevoli della necessità di liberarsi dalla mafia e dallo sfruttamento e fanno sì che Peppino non muoia e che le sue parole e il suo coraggio riecheggino per sempre.

L’iniziativa è realizzata dall’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari - ETS con il contributo della Regione Siciliana - Assessorato del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo e in collaborazione con il Ministero della Cultura - Direzione Generale Spettacolo dal vivo e con il patrocinio del Comune di Barrafranca (EN).

Angelo Sicilia

Fondatore della Compagnia Marionettistica popolare siciliana (2001) è regista e studioso della storia del teatro dei pupi di scuola palermitana. Con le radici nell'Opera dei pupi tradizionale, Sicilia ha avviato un percorso di rinnovamento nell’ambito del repertorio del teatro delle marionette siciliane e affianca alle storie del repertorio cavalleresco le vicende di cronaca recente, intendendo così riattualizzare questa forma di teatro popolare, da sempre capace di intercettare le istanze della società contemporanea. La compagnia propone un’Opera dei pupi "antimafia", i cui protagonisti sono, oltre a Giuseppe Di Matteo, anche Peppino Impastato, don Pino Puglisi, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino: è così che la forza espressiva e comunicativa dei pupi tradizionali viene suggestivamente messa al servizio di spettacoli di impegno civile. Numerosi i premi ricevuti per l'innovativo ciclo antimafia e per l'impegno sociale e civile.

____________________________

Info: 091.328060

www.museodellemarionette.it

Seguici sui nostri canali social:

Facebook - Museo Internazionale delle marionette Antonio Pasqualino

Instagram -@museodellemarionette

YouTube -Museo Marionette A. Pasqualino

Calendario eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
7
14
15
16
21
29

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.  Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso di cookie.