Bianco e nero poster con foto di donna 2

 

Convegno in streaming

Il corpo della parola.
Inni, poemi e performance nell’India antica e contemporanea
Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino

 

25-26 giugno 2021
 
Segui la diretta sui nostri canali social: 

 

 

Nella storia culturale dell’India la riflessione sulla Parola e sui suoi molteplici significati attraversa ambiti e discipline diversi - intersecantisi tra loro - nelle riflessioni che riguardano il mito, il rituale, la poesia, la scienza, la storia, il teatro; in una serie incessante di implicazioni e di allusioni che potremmo descrivere come un albero, le cui vertiginose ramificazioni abbracciano un arco di tempo che si estende dal corpus vedico all’India contemporanea.

I diversi aspetti e i vari usi della parola investono sia il contesto pubblico che quello privato, la sfera politica così come quella religiosa - dove performance, dottrine, riti e speculazioni fissano i confini tra ambiti ordinari ed extra-ordinari - creando una rete di corrispondenze che spesso mettono a dura prova lo studioso che intende cogliere i molteplici aspetti della Parola, soprattutto quando tali aspetti accompagnano e giustificano una dimensione di indicibilità e inesprimibilità, di cui solo gli dèi custodiscono la complessità.

Questo universo di parole, nelle descrizioni degli autori antichi, fornisce a noi lettori moderni una ricchezza culturale difficile da dominare, dove le parole prodotte sono state tramandate, dibattute, difese, credute; un universo di parole dove la verità si mescola sempre con la menzogna. Su questo regno del verosimile, ingannevole e al tempo stesso rivelativo delle verità più profonde, la Parola in persona rivendica la sua sovranità: «io sono la regina […] la prima tra coloro a cui si deve offrire» (aháṃ rā́ṣṭr̥ī […] prathamā́ yajñíyānāmR̥gveda X, 125, 3a).

 

 

 

           PROGRAMMA           

 

Venerdì 25 Giugno 2021
 
 

ore 9:30 – 12:30

Saluti istituzionali

Ignazio E. Buttitta (Università di Palermo – Fondazione Buttitta)

Rosario Perricone (Università di Palermo – Museo Internazionale delle Marionette ‘A. Pasqualino’)

 

Moderatrice

Agata Pellegrini (Università di Palermo)

 

Duccio Lelli (Ricercatore indipendente, Pistoia)

Ruotare in eterno: per l’interpretazione di R̥gveda 1.2.8.

Paola M. Rossi (Università di Milano)

Madhu[c]chandas: dalla performance compositiva alla performance rituale. La R̥gvedasaṃhitā tra poetica e compilazione.

Marianna Ferrara (Sapienza – Università di Roma)

Parole d’odio nella poesia vedica fra emozioni socialmente rilevanti e codici sociali.

Igor Spanò (Università di Palermo)

“Ragazze folli di miele”. Il miele e la celebrazione della Parola nel rito del mahāvrata.

 

ore 16 -18:00

Moderatrice

Agata Pellegrini (Università di Palermo)

 

Rosa Ronzitti (Università di Genova)

Voce che crea, voce che distrugge: un saggio di mitologia comparata.

Vincenzina Mazzarino (Ricercatrice indipendente, Roma)

Un poema racconta come nasce un poema.

Fabrizio Ferrari (Università di Padova)

Sull’uso di una formula devozionale nell’Āyurveda. Il Śītalāṣṭakastotra in Bhāvaprakāśa ii.60.70-82.

Serena Autiero (Ruhr-Universität Bochum)

Tholu bommalata. Luci e ombre di un’arte in declino.

 

Sabato 26 giugno 2021

ore 9:30 – 12:00

Moderatrice

Agata Pellegrini (Università di Palermo)

 

Francesco Maniscalco (Ricercatore indipendente, Roma)

Arachosiaca II: note a margine delle epigrafi aśokiane di Kandahar e dell’epitaffio di Sōphytos, sul dominio dell’Arachosia tra IV e II secolo a.C. .

Carmela Mastrangelo (Sapienza – Università di Roma)

Da Bharata a bhāratī: la parola e l’attore nel teatro sanscrito classico.

Rosario Perricone (Università di Palermo)

La collezione Tholu bommalata del Museo internazionale delle marionette

 

____________________

 

Info: 091.328060

 

 

 

 

Calendario eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

XLV Festival di Morgana

500 morgana-01

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.  Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso di cookie.