Locandina Sanfratello Layout 1-iloveimg-compressed

Giovedì 15 marzo ore_16.00

Seminario permanente“Antropologia & Musica”

Il canto rizítico e le mandinàdhes a Creta: processi performativi e dinamiche sociosimboliche

Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino

 

 

Giovedì 15 marzo alle ore 16.00, nell’ambito del ciclo seminariale “Antropologia & Musica” curato dal prof. Sergio Bonanzinga (Dipartimento Culture e Società), il Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino ospiterà il seminario dal titolo "Il canto rizítico e le mandinàdhes a Creta: processi performativi e dinamiche sociosimboliche" tenuto da Giuseppe Sanfratello, Dottore di ricerca in musicologia all’Università di Copenaghen. Il rizìtiko è un genere di canto monodico privo di accompagnamento strumentale praticato esclusivamente da uomini (rizìtes) e diffuso perlopiù nella parte occidentale di Creta: il rizìtiko “della strada” (tis stràtas) è eseguito in occasioni processionali e ancora oggi è possibile rilevarlo principalmente nel rituale del matrimonio per le strade del villaggio; il rizìtiko “della tavola” (tis tàvlas). è legato a occasioni conviviali in cui viene esaltato il valore dell’amicizia condiviso dalla parèa (compagnia, gruppo di amici). Le mandinàdhes sono invece canti monodici di genere lirico basati su distici di versi improvvisati e possono essere accompagnate da uno o più strumenti musicali (a es. lira cretese, violino, laouto ecc.), nonché eseguite nell’ambito delle danze tradizionali. Sia il rizìtiko che le mandinàdhes assolvono ad analoghe funzioni sociosimboliche, rafforzando i legami comunitari attraverso un complesso intreccio di poesia, musica e danza fondato su rigide procedure di ordine performativo attivate entro specifici contesti cerimoniali.

 

 

__________________________________________________________________________

Le iniziative organizzate nell'ambito del Seminario Permanente "Antropologia & Musica" hanno lo scopo di offrire a studenti e ricercatori orientamenti critici riguardo ai diversi metodi di rilevamento e di analisi delle pratiche coreutico-musicali, specialmente legate ai contesti in cui la trasmissione dei saperi è tuttora in prevalenza affidata all'oralità. Lo sguardo "antropologico" sui fenomeni musicali, che si è affermato a partire dagli anni Cinquanta del secolo scorso grazie soprattutto ad alcuni esponenti dell'etnomusicologia angloamericana (David McAllester, Alan Merriam, Alan Lomax, John Blacking ecc.), costituisce oggi un approccio consolidato anche per lo studio delle pratche musicali di interesse storico, che conosciamo attraverso oggetti, immagini e testi scritti, e si estende proficuamente a ogni forma dell'attuale mercato musicale globale. I comportamenti musicali saranno particolare trattati in ordine alle dinamiche relazionali innescate fra strati sociali, classi d'età e posizioni sessuali, alla morfologia della performance sonoro-gestuale nei suoi articolati processi di attuazione-ripetizione-trasmissione e all'interconnessione tra funzioni espressive, identitarie, ludiche, ergologiche e rituali. 

 

 

PROSSIMI INCONTRI 

 

22 marzo - GIANIRA FERRARA 
La tradizione delle timbila in Mozambico:
tipologie di rappresentazione audiovisuale
 
 
12 aprile - GIOELE ZISA
Pratiche musciali tra mito e storia nella Mesopotamia antica
 
 
19 aprile - MARIO CALDERARO
Questioni di antropologia del suono 
 
 
26 aprile- MARIA GIULIANA RIZZUTO
Le declinazioni della musica nel pensiero medievale arabo-islamico
 
 
10 maggio - GIUSEPPE GIORDANO
Il telaio tradizionale fra pratica ergologica, 
valore simbolico e dimensione espressiva
 
 

Calendario eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
12
13
14
15
16
17
18
19
26

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.  Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso di cookie.