Premio-Icom

All'interno del settecentesco Hotel de France, a pochi passi dalla monumentale Piazza Marina, si trova il Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino, fondato nel 1975 dall’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari.

_________________________________________________________________________________________________________________________________________

ONG senza scopo di lucro riconosciuta a livello nazionale ed internazionale per il suo cinquantennale impegno nell'ambito della salvaguardia e promozione delle tradizioni popolari, l'Associazione nel 2014 è stata accreditata quale consulente del Comitato Intergovernativo del Patrimonio Culturale Intangibile UNESCO dopo avere in passato supportato la candidatura dell'opera dei pupi presso l'UNESCO e avere così contribuito a ottenere la sua proclamazione come "Capolavoro del patrimonio orale e immateriale dell'umanità".

Oggi, il giardino di inverno, la sala da ballo e le diverse sale dell'ex-Hotel de France ospitano l'imponente patrimonio del Museo Pasqualino in un felice incontro tra l'eleganza degli affreschi in stile liberty, i patrimoni dell'umanità e le marionette d'artista.

Custodisce circa 5.000 pezzi, fra marionette, pupi, burattini, ombre, attrezzature sceniche e cartelloni provenienti da tutto il mondo. Tra questi, il Museo conserva la più vasta e completa collezione di pupi di tipo palermitano, catanese e napoletano, e numerose opere utilizzate nelle altre tradizioni del teatro di figura che sono state dichiarate dall’UNESCO "Capolavori del patrimonio orale e immateriale dell’umanità": oltre all'opera dei pupi siciliani, il Ningyo Johruri Bunraku giapponese, il Wayang Kulit indonesiano, lo Sbek Thom cambogiano e i Gélède nigeriani.

La collezione è inoltre arricchita da importanti opere d’arte contemporanea realizzate per spettacoli che tra gli anni Ottanta e Novanta furono prodotti dal Museo internazionale delle marionette: le scenografie di Renato Guttuso utilizzate nello spettacolo Foresta-radice-labirinto di Italo Calvino, regia di Roberto Andò (1987); le marionette e macchine sceniche realizzate dall’artista e regista polacco Tadeusz Kantor per lo spettacolo Macchina dell’amore e della morte (1987); e i pupazzi di Enrico Baj realizzati per lo spettacolo Le bleu-blanc-rouge et le Noir dell’Arc-en-terre di Massimo Schuster. Di recente acquisizione, le marionette da tavolo che Enrico Baj realizzò per altri due spettacoli di Massimo Schuster: Roncisvalle e Mahabharata.

A conferma del suo valore culturale, al Museo è stato assegnato nel 2001 il prestigioso premio antropologico “Costantino Nigra” per la sezione musei e nel 2017 il Premio ICOM Itlai come "Museo dell'anno".

Il Museo si sviluppa su tre livelli e accoglie al suo interno numerosi spazi espositivi, un bookshop, la Biblioteca "Giuseppe Leggio", una mediateca che conserva una preziosa documentazione video, audio e fotografica, e una sala capace di ospitare una cospicua programmazione teatrale, iniziative di studio e formative. Particolare attenzione è rivolta all'attività didattica. Per le scolaresche sono previste visite guidate corredate da supporti video, mentre per gli operatori scolastici si organizzano corsi teorico-pratici sulle varie tecniche del teatro d'animazione. Su richiesta è anche possibile organizzare spettacoli di opera dei pupi. 

 

VERIFICA LA DISPONIBILITA' 

CALENDARIO PUBBLICO

 

calendario-2020_1017-21131.jpg

 

 

 

PRENOTA o CONFERMA

I SERVIZI DIDATTICI

sfera_prenota.png

 

______________________________________________________________________________ 

 

Proposte didattiche

a. s. 2019-2020

 

  

  

Vista-guidata-alle-collezioni1. Ingresso + VISITA GUIDATA alle collezioni del Museo, in italiano, inglese, francese e spagnolo (60 min. ca. ) – Destinatari: tutti

Costo servizio in italiano: € 4,00/ alunno

Costo servizio in lingua straniera: € 5,00/ alunno

 

 

SPETTACOLI

Spettacolo-di-opera-dei-pupi2. Ingresso + Spettacolo dell’opera dei pupi tradizionale e a quinte aperte(50 min. ca) – Destinatari: tutti

Spettacolo tradizionale dell’opera dei pupi. Variante a “quinte aperte” per gli alunni delle scuole medie superiori.

Costo € 6,00/alunno. 

 

 

LABORATORI E INCONTRI

Dimostrazione-di-costruzione-di-un-pupo3. Ingresso + Dimostrazione di costruzione di un pupo (60 min. ca.) – Destinatari. alunni da 9 anni

Strumenti alla mano, l’artigiano esegue e spiega le varie fasi di costruzione di un pupo coinvolgendo alcuni degli alunni nella lavorazione dei metalli.

Costo € 5,00/alunno.

 

 

 

Incontrando-il-puparo4. Ingresso + Laboratorio: Incontrando il puparo (90 min. ca.) – Destinatari: alunni da 9 anni

L’incontro laboratoriale permette agli alunni di apprendere le regole base dell’opera dei pupi cimentandosi nella riproduzione delle voci e dei movimenti dei protagonisti degli spettacoli e nella manovra dei pupi.

Costo € 5,00/alunno. 

 

Come i pupi raccontano5. Ingresso + Laboratorio: Come i pupi raccontano … (60 min. ca.) – Destinatari: alunni da 3 a 10 anni

L’attività focalizza in modo ludico su alcuni aspetti della narrazione nel teatro dell’opera dei pupi, quali la costruzione dei personaggi e il significato dei loro movimenti.

Costo € 5,00/alunno.

 

  

Pupo disegnato

 

 

         PROMO

 

Ingresso Visita guidata Spettacolo di opera dei pupi

            Costo con guida in italiano: € 7,00/alunno.

      Costo con guida in lingua straniera: € 8,00/alunno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.  Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso di cookie.